logo storia anticaIstituto Italiano per la Storia Anticamenu storia antica

[...]Fin dai primi mesi della sua istituzione, l'Istituto si preoccupò di costituire una biblioteca specializzata che fornisse agli studiosi la più ampia ed organica documentazione relativa alla storia antica: si iniziò con l'acquisto di opere di indispensabile consultazione, il Corpus lnscriptionum Latinarum e la Real-Encyclopädie der classischen Altertumswissenschaft di Pauly Wissowa, negli esemplari appartenuti alla biblioteca privata del prof. Ettore De Ruggiero - fondatore e realizzatore in buona parte del Dizionario Epigrafico di Antichità Romane - per procedere, poi, con un minuzioso arricchimento di periodici e di monografie fondamentali per gli studi sul mondo antico.



L'incremento del patrimonio librario fu sempre costante e molto curato tanto che nel 1941, a pochi anni dalla sua creazione, si contavano circa 3.000 esemplari. A dar maggior lustro a questa pregevole consistenza bibliografica contribuirono le preziose collezioni di libri di fondamentale interesse per la ricerca antichistica provenienti dalle biblioteche personali di insigni studiosi dell'antichità: Ettore Pais, Mario Segre e Gastone M. Bersanetti.

La Biblioteca custodisce, inoltre, volumi ed estratti di grande valore donati dall' illustre storico dell'antichità Gaetano De Sanctis: opere molto rare, alcune rarissime e non presenti in altre biblioteche della Capitale, che all'evidente interesse bibliografico uniscono quello storico culturale, in quanto sono contrassegnate e impreziosite da dediche autografe, proprio a testimoniare i rapporti intercorsi con la comunità degli storici italiani e stranieri.

La Biblioteca conserva lo schedario base del Dizionario Epigrafico di Antichità Romane ideato da Ettore De Ruggiero a partire dal 1886, schedario che lo stesso De Ruggiero affidò a Giuseppe Cardinali, membro del Consiglio dell'Istituto Italiano per la Storia Antica e suo allievo succedutigli nel 1919 nella cattedra di epigrafia e antichità romane all'Università di Roma.

Presso la Biblioteca è conservato anche l'Archivio storico dell'Istituto, che raccoglie documenti vari sull'attività dell'Istituto dalla sua nascita ad oggi, e un Fondo Beloch (ancora non consultabile) che comprende materiale di diverso genere riguardante l'intensa attività scientifica dello storico tedesco Karl Julius Beloch.

Nel luglio 2004 il Consiglio scientifico dell'Istituto ha deciso di valorizzare la Biblioteca aprendola al pubblico e, recentemente, ha affiancato all'opera di catalogazione informatica, entrando nel Polo degli Istituti culturali di Roma, la creazione di due nuove sezioni: la prima relativa alla Fortuna. dell' Antico dalla Rivoluzione francese in poi, la seconda dedicata alla nuova storiografia sul mondo antico.

Attualmente la biblioteca ha una dotazione libraria di circa 18.000 volumi, con 82 periodici correnti e circa cinquanta volumi antichi; gli ambiti sono quelli delle scienze dell'antichità: storia greca, storia romana, storia dell' oriente antico, archeologia, epigrafia, numismatica, etruscologia, fonti, storiografia e miscellanee di congressi sull'antico.

da Il lettore ben informato: bollettino delle biblioteche del polo SBN IEI/Istituti culturali di Roma a. 7, n. 2



Istituto Italiano per la Storia Antica
Via Milano, 76 - 00184 Roma
tel/fax (+039) 06.4880.597